domenica 3 luglio 2022
06.02.2012 - VALERIO GAMBACORTA

Calcio a ponente: ennesimo “anno zero”

Complice la sosta forzata causa maltempo, si impone una riflessione sullo stato di salute, a dire il vero, non buono, del calcio ponentino.

Un anno fa la Sanremese lottava con unghie e denti cercando di guadagnarsi la permanenza in una seconda divisione (la vecchia C2) ri – ottenuta a Giugno con un clamoroso ripescaggio.

Contro la Sacilese venne una clamorosa salvezza. Poi l’ennesimo tracollo. Prima sussurrato e poi materializzatosi grazie ad una proprietà, poi, (e tutt’ora) implicata in un pericoloso giro di minacce ai tesserati. La giustizia farà, se del caso, il suo corso…Ma intanto la “Sanre” ha subito il terzo fallimento in 25 anni.

A Imperia, conquistata sul campo l’Eccellenza (massima espressione del calcio regionale dilettantistico), ci si dibatte ora in una crisi societaria (di cui Ponente Oggi pochi giorni fa vi ha aggiornato) che ha costretto Bencardino (l’allenatore), pochi giorni fa, a rassegnare le dimissioni. Motivi? (fonte Secolo XIX: “Da Agosto non percepisco un Euro…quindi non vado via per ragioni economiche. Ma per insanabili fratture con la dirigenza”). 

Insomma se Sanremo piange…di certo Imperia non ride.

D’altra parte la stessa Pro Imperia, altra realtà calcistica cittadina, (militante in serie D), pur giocando bene e mantenendosi ben al di sopra della quota salvezza pare abbia lei stessa qualche problemuccio economico e stia meditando la fusione con la stessa Imperia.

Problema e crisi (per lo meno ad Imperia) risolti?

Chissà. Certo che l’impressione che se ne trae è quella dell’impossibilità di fare in Provincia di Imperia calcio “giocato” esente da crisi periodiche e devastanti.

Ma forse non è più tempo di calcio “giocato” neanche a livelli professionistici. Basti pensare alle ultime vicende del calcio scommesse…

Consoliamoci con i baby giocatori (a ponente il vivaio è sempre fertile a qualsiasi latitudine: Ventimiglia, Bordighera, Sanremo ed Imperia) che stanno ottenendo un successo sempre maggiore. Basti pensare a Stefano Sturaro, sanremese d’hoc, tesserato per il Genoa e titolare inamovibile della nazionale italiana Under 18.

I giovani, forse (come diceva qualche filosofo o storico) ci salveranno…

 

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo