lunedì 16 dicembre 2019
21.04.2012 - redazione

Taggia: Alberghi replica "non hanno altro con cui attaccarmi"

e rilancia contro i suoi avversari. Comunicato stampa in risposta al nostro articolo www.ponenteoggi.it/categorie/leggi-articolo/argomento/politica/articolo/taggia-alberghi-premiato-da-scajola-con-un-posto-in-una-partecipata-di-invitalia.html

"3850 euro netti all’anno. Questo il compenso che, come dottore commercialista, percepisco per un incarico professionale nel collegio sindacale di una società di Roma, partecipata dal Ministero.
Questo per chiarire l’aspetto economico dell’incarico che qualche mio avversario in questa tornata elettorale, con una visione becera della politica, descrive come l’arma che il PDL , e l’onorevole Scajola in particolare, avrebbero contro di me per condizionarmi nelle mie future scelte amministrative.
 Se così fosse l’elenco dei condizionati sarebbe lungo. Tanto per fare degli esempi:
- il Dott. Cosimo Belcamino, candidato di Genduso, ha ricevuto dall’I.D.V. un incarico di revisione contabile in una casa di riposo dipendente dalla Regione
- l’Arch. Cristina Roggeri, candidata di Genduso, ha ricevuto da Area 24 un incarico di progettazione per la pista ciclabile.
- il Dott. Tecco Piercarlo (candidato di Genduso) è stato Presidente del collegio dei revisori contabili nel Comune di Taggia quando il sindaco era Piero Gilardino.
- L’Arch. Pedone Marcello è stato incaricato per progettazioni per il Comune di Taggia nel corso di questi 5 anni ed ora e’ candidato con Genduso
Incarichi anche più remunerati del mio, per inciso, che, però, nessuno addita come strumenti di possibile pressione politica nei confronti dei citati colleghi amministratori. Anche il consigliere Cristian Lupi ha un incarico professionale in qualità di revisore di Confartigianato, di cui il Presidente è Ninetto Sindoni. Non mi risulta che Cristian abbia seguito le orme di Sindoni in questa campagna elettorale, dal momento che si è candidato nella lista AMO QUESTA CITTA’ e non in quella di Albanese.


Il tutto per dire che moltissimi commercialisti hanno incarichi professionali in società partecipate ed Enti pubblici, in quanto, per assumerli, necessitano requisiti professionali previsti per Legge che solo i commercialisti hanno. Strumenti di pressione? “Ma mi faccia il piacere”, avrebbe risposto Totò. Sono tutti casi di incarichi per i quali si devono avere, come dicevo prima, ben precisi requisiti professionali.
Ben diversi dal caso del sindaco uscente che è stato indicato dalla finanziaria regionale, la FILSE, come vice presidente del C.d.a. di Area 24, nomina di natura strettamente politica e, come ho già avuto modo di dire, assolutamente in conflitto d’interessi con la carica di Sindaco.
In quell’occasione, quando la quasi totalità della Giunta ha consigliato a Genduso di non accettare la carica in Area 24, perché in palese contrasto con gli interessi del nostro comune, ci siamo, però, sentiti rispondere: “Non potevo dire di no a Burlando”.
Ora mi si accusa di essere dipendente da qualcuno? Penso di poter dire senza paura di alcuna smentita che senza il mio intervento il Comune, dall’operazione del cinema Capitol, avrebbe incassato solo 70.000 Euro di standards urbanistici invece che 350.000. L’assessore all’urbanistica era giunto con la proposta di approvare la pratica con € 70.000 di standards, minacciando, persino, di metterla ai voti. Poi, è tornato a più miti consigli e nei giorni scorsi si è pure vantato sulla stampa del risultato raggiunto. Che coraggio!!!
Ho conosciuto l’assessore all’urbanistica in questi cinque anni e ne ho anche apprezzato le doti di sintesi, di intelligenza e di sagacia. Non comprendo perché si riduca a buttare veleni e falsità sull’avversario politico anziché evidenziare le buone cose che sono state portate avanti da tutti.
Insieme con gli amici Arieta, Caselli, Cagnacci Garofalo e Lanteri  abbiamo capito di avere una linea amministrativa diversa da quella del sindaco uscente perché in momenti importanti non ha fatto scelte condivise, non perché qualcuno prende ordini da Scajola o da qualche altro politico.
La cosa che tuttavia più mi ferisce di tutta questa storia è che in lista con Genduso c’è una persona che reputo un amico fraterno, che potrebbe confermare tutto quello che sto dicendo, e invece tace. 
Sono comunque a disposizione di tutti per qualsiasi chiarimento su una vicenda che ritengo di infimo livello e di scarso interesse per la città che ha bisogno di risposte concrete.
Probabilmente, però, gli avversari, non hanno altri argomenti per i quali attaccarmi."


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo