venerdì 25 settembre 2020
21.02.2012 - redazione

Scibilia (PD): "La crisi affossa le istituzioni culturali. Serve sostegno della Regione."

Comunicato stampa del consigliere regionale PD Sergio Scibilia per l'IISL.

 

La drammatica situazione dell’Istituto di Studi Liguri, per il quale la Regione non ha confermato il contributo per il 2011 e i cui 20 dipendenti sono senza stipendio da inizio anno, è stata discussa stamane in Consiglio Regionale grazie a un’interrogazione del Consigliere Sergio Scibilia del Partito Democratico.

“L’Istituto di Studi Liguri è un’istituzione culturale di interesse regionale che svolge un’importante attività culturale anche a fini turistici – ha sottolineato Scibilia – I suoi 20 dipendenti sono impegnati nell’apertura di musei e biblioteche, in scavi archeologici, nella ricerca scientifica, tutte attività che nelle ultime settimane sono già state bloccate, come nel caso della biblioteca di Bordighera che è attualmente chiusa, o rischiano seriamente di fermarsi. I dipendenti inoltre sono senza stipendio dall’inizio del 2011”.

L’Assessore al Turismo Angelo Berlangieri ha ribadito che la mancata erogazione del contributo non è conseguenza di una scelta precisa della Regione, ma della necessità di far quadrare il bilancio in un periodo di particolare ristrettezza economica. Berlangieri ha anche annunciato l’intenzione della regione di non abbandonare l’Istituto di Studi Liguri e le altre otto istituzioni culturali di interesse regionale e di aver destinato proprio in questi giorni all’Istituto una somma inserita a bilancio per la ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo per un lavoro la cui dichiarazione di inizio lavori tarda ad arrivare. “per non lasciare intanto improduttivo quel contributo, abbiamo deciso di destinarlo all’attività dell’Istituto di Studi Liguri – ha detto Berlangieri – coprendo così il 60% circa del contributo erogato nel 2010”.

“Questa notizia mi conforta – ha dichiarato Scibilia – ma credo che, ancor di più in questo periodo di particolare crisi economia, serva una programmazione a più lunga scadenza dei contributi che la Regione intende erogare alle istituzioni culturali dichiarate di interesse regionale. Penso che occorra stipulare con queste istituzioni convenzioni pluriennali, in modo che si possa programmare l’attività con più tranquillità e dare maggiori certezze ai dipendenti”.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo