sabato 21 settembre 2019
14.04.2012 - redazione

Sanremo: Zoccarato e Di Meco navigano a vista e nascondono la gravità della situazione

Comunicato stampa del PD di Sanremo

 

Non c’è più spazio per fare ragionamenti che seguano una logica quantomeno plausibile. Parliamo della situazione riguardante  l’amministrazione comunale di Sanremo che, a nostro avviso, ha perso la bussola, naviga a vista (limitata), non sa più da che parte girarsi e sta sbattendo la testa ovunque senza avere un minimo di raziocinio. 
Spiace veramente dover sempre far la parte dei contestatori, non avendo spazio per contribuire a costruire un bene comune, che oggi più che mai ha bisogno di essere preso in considerazione. 
Spiace, ma non si può tacere davanti a questioni tanto importanti quanto assurde. 
Si sente parlare di Comune virtuoso, di 21 milioni a disposizione, di una  Sanremo che sta cambiando (l’obiettivo in campagna elettorale era di portare la nostra città tra le prime cinque città al mondo), ma nello stesso tempo sentiamo parlare di nuove tasse, dell’aumento dei parcheggi a più 50%, della vendita indiscriminata dei beni del Comune, della chiusura della scuola estiva, tralasciando poi i tagli al sociale che già sono stati fatti e ancora se ne faranno (stiamo monitorando perciò le scelte che l’amministrazione ha intenzione di fare a riguardo). 
A questo punto ci chiediamo: si può continuare a smentire oggi ciò che è stato detto o fatto il giorno prima e magari riconfermarlo dopo qualche giorno? 
Ci sembra di sentire Berlusconi che affermava che tutto andava bene, poi, ci siamo svegliati con Monti. Qui è lo stesso, “stiamo risolvendo i problemi”, ma nessuno riesce a capire come e soprattutto quando. 
Ci vuole fantasia a capire perché chiudiamo la scuola estiva e buttiamo 167.000 Euro sul solettone di Piazza Colombo, compreso l’abbattimento di un negozio che permetterà la vista di palazzo Guidi (non del mare), in un momento di crisi nera che solo l’incoscienza del  nostro Sindaco può cercare di camuffare. 

Stendiamo poi un velo pietoso sul Casinò, dove il Presidente Di Meco il 2 Aprile dichiarava un incasso per il 2012 di 56.800.00 Euro e nel piano d’impresa per 2012,2013,2014, lo riporta a 60.000.00, lo smarrimento si diffonde a macchia d’olio. 

NON SAPPIAMO PIU’ COME DIRLO, LA SITUAZIONE E’ MOLTO GRAVE, O LA AFFRONTIAMO TUTTI INSIEME: POLITICA, ASSOCIAZIONI, SINDACATI, CITTADINI…O VERREMO SCHIACCIATI TUTTI. SMETTIAMOLA DI AFFRONTARE I PROBLEMI UNO ALLA VOLTA, A SPOT, SI FACCIA UNA VALUTAZIONE NEL COMPLESSO DEL TESSUTO SOCIALE.  Questa non è demagogia, non è campagna elettorale, o iniziamo a pensare che il Partito Democratico è formato da persone serie che tengono alla città e con noi altri gruppi e partiti, o resterà sempre una lotta politica che non porterà altro  che incomprensioni senza nessuno spiraglio per il futuro. A questo punto non resta che dire una cosa all’amministrazione: lasci da parte l’arroganza, la faciloneria e si munisca d’umiltà, coinvolga tutti sul piano della idee per il bene della città o tragga le conseguenze di chi non riesce ad andare avanti e si faccia da parte. 

La segreteria del PD Sanremo


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo