martedì 4 agosto 2020
30.11.2011 - VALERIO GAMBACORTA

Sanremo: riunione stamane nell’Ufficio del Sindaco per la questione “Amaie”.

Questa mattina alla presenza del Sindaco M. Zoccarato, del Sindaco di Arma di Taggia V. Genduso, del Presidente della “Amaie” Ing. Rolando, dell’omologo della “Secom” Cambiaso, dei rappresentanti sindacali e dei membri del Comitato “Sanremo sostenibile” è stato fatto il punto sulla gestione dell’Amaie e sugli sviluppi futuri della società.

Quale il futuro dell’Amaie? Quali le prospettive in caso di fusione con la Secom? Per rispondere a questi quesiti i giornalisti sono stati invitati all’incontro di stamane con politici e lavoratori delle due aziende interessate.

E’ prevalsa la volontà di “abbozzare” una sorta di progetto di fusione tra le due società che gestiscono l’approvvigionamento e la fornitura idrica delle zone, rispettivamente, del matuziano e dell’armese.

In tal senso, sia il Sindaco Zoccarato che il suo omologo armese Genduso hanno manifestato il loro favore nei confronti di simile soluzione.

Si direbbe “un matrimonio che s’ha da fare”, e per una molteplice serie di ragioni. Su tutte la necessità di mantenere la linea “pubblica” di gestione delle aziende, sulla scorta anche dei risultati della recente consultazione referendaria che ha voluto, con percentuali bulgare, affidare la vittoria a coloro che si battevano per un’ acqua “pubblica” e non assoggettata alle regole dei mercati e dei “mercanti”; d’altra parte anche la straordinaria opportunità di arrivare entro pochi anni ad una sostanziale gestione totale, in zona, dal “produttore al consumatore”, del ciclo unico integrato.

Pur con i dubbi legati alla veste legale da attribuire a questa nuova società (un consorzio? Come paventato da Sanremo sostenibile sulla scorta dell’esperienza napoletana) rimane la sensazione che a breve tra la Valle Armea e la Valle Argentina si possa arrivare a mettere nero su bianco l’accordo.

Tutti, ovviamente, hanno rassicurato i lavoratori. In particolar modo quelli del comparto “elettrico” dell’Amaie che hanno ricevuto garanzie a tutela della loro professionalità anche in ipotesi di fusioni future.

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo