giovedì 19 settembre 2019
16.03.2012 - Alice Borutti

Sanremo: la Tarsu va ripensata, le opposizioni e la loro analisi

Questa sera alla Federazione Operaia di Sanremo i gruppi "Cittadini per Sanremo", Federconsumatori, Fli, Idv, La città onesta, Pd, Prc, Progetto Sanremo, Sanremo Sostenibile, Sel, Udc e Uniti per Sanremo hanno esposto ai presenti le problematiche legate alla gestione cittadina dei rifiuti.

Il servizio offerto dalla Aimeri è stato giudicato insufficiente e inadeguato per Sanremo, opinione che inizia a essere condivisa dalla stessa maggioranza in quanto la raccolta differenziata porta a porta non ha dato i risultati attesi, infatti pare che per quest'anno non raggiungerà la quota prefissata del 65% incorrendo in una sanzione pecuniaria che amonta a poco meno di 120mila euro. Il dito però è stato puntato contro l'esagerato aumento dei costi di gestione, fino al 40% in più rispetto all'ammontare medio della Tarsu a unità catastale. I gruppi hanno confrontato la situazione matuziana con la gestione dei rifiuti della città di Imperia, che è risultata nettamente a favore delle tasche dei cittadini imperiesi. L'analisi affrontata questa sera verrà messa all'ordine del giorno in un consiglio comunale che si svolgerà entro la fine di marzo.

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo