lunedì 26 agosto 2019
26.04.2012 - redazione

Sanremo: il PCL spiega i fischi per la modifica del corteo del percorso del 25 aprile

Contro la decisione congiunta di PD e PDL di modificare il percorso e passare dal monumento per i Caduti di Nassirya, non morti per la Liberazione.

 

La sezione provinciale del PCL esprime forte preoccupazione per la scelta proditoriamente effettuata di utilizzare la celebrazione dell’anniversario della Liberazione per parificare i combattenti per la libertà caduti durante la Resistenza, con i soldati morti a Nassirya, militari durante l’occupazione di un paese straniero e non “eroi della patria”, bensì vittime degli interessi delle multinazionali italiane insediatisi in Iraq.

Aver dirottato il corteo del XXV aprile dal suo previsto e naturale percorso verso il Monumento ai Partigiani, oramai nascosto dietro le vecchie carceri, per deporre una corona di fiori al cosiddetto Monumento ai Caduti di Nassirya rappresenta un subdolo tentativo di equiparare la resistenza con le missioni militari italiane all’estero, che nel 2011 sono costate 1,55 miliardi di euro, tirati fuori dalle tasche dei lavoratori.

Ancora una volta si è cercato di annacquare ed inquinare il significato profondo della festa che ricorda la Liberazione da parte dei partigiani dall’occupazione nazi-fascista.

Il canto di “Bandiera Rossa” da parte dei militanti del PCL, al quale si sono aggiunte spontaneamente le voci di tanti partigiani e cittadini presenti, non è stato affatto zittito dai partecipanti alle celebrazioni, come riportato erroneamente da alcuni giornalisti.

La contestazione a più voci non era certamente rivolta contro Amelia Narciso che rappresenta degnamente l’ANPI, ma sempre contro la modifica del percorso del corteo, imposta in modo bipartisan da Giunta e PD, e contro la presenza delle forze reazionarie sul palco.

Inoltre giova ricordare che le parole della signora Amelia “Quella del XXV aprile non è e non deve essere una festa privata" non si riferivano certamente ai “contestatori estremisti di sinistra” ma erano rivolte contro il documento di Forza Nuova della settimana scorsa, e dal PCL duramente contestato, che definiva il XXV aprile una “festa privata” e chiedeva che le amministrazioni comunali non la sostenessero economicamente.

Il Sindaco Zoccarato, con la piena accondiscendenza del PD, non ha perso occasione per strumentalizzare meschinamente un evento così importante come l'anniversario della Liberazione dal nazifascismo, per arrogarsi indebitamente a proprio uso il concetto di libertà. Difatti, come il suo predecessore Borea, sul territorio non ha mai impedito l'autorizzazione ad iniziative pubbliche di gruppetti di estrema destra, promotori di “ideali” totalmente contrastanti con qualsiasi principio di libertà. E per come amministra la città, parlando impropriamente di “libertà”, dimentica la situazione di “prigionia” in cui vivono migliaia di disoccupati ( giovani per più della meta ) a cui non è offerto alcuno “straccio” di prospettiva occupazionale e si scorda delle politiche di imposizione degli aumenti di tasse e ulteriori privazioni a danno di pensionati, lavoratori salariati e autonomi, già duramente colpiti dalla macelleria sociale attuata dal Governo Monti ( sostenuto da PdL,PD e terzo polo ). Una strana concezione di “libertà”, quella di costringere alla limitazione delle proprie libertà economiche la maggioranza dei sanremesi.

La vera libertà si fonda sull'uguaglianza e il lavoro.

Quest'oggi, infine, il PCL ha dimostrato di essere l'unico Partito capace ad organizzare uno spezzone ben visibile e a coinvolgere un consistente numero di giovani per il corteo del XXV aprile. E per la protesta contro la decisione congiunta tra PD e PdL di imporre le loro modifiche al percorso del corteo e di trasformare la celebrazione della Liberazione in una “farsa”, il PCL si assume ogni responsabilità politica, dando prova per l'ennesima volta di essere sempre in prima fila per mantenere più vivi che mai i sentimenti e i valori dell'audace Resistenza partigiana alle infamie nazifascismo.

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo