venerdì 25 settembre 2020
28.02.2012 - redazione

Rif. Comunista sullo spostamento della posidonia a Capo Verde del Gruppo Cozzi Parodi

comunicato stampa del circolo "Martini" di Sanremo

A proposito della proposta del gruppo Cozzi Parodi di “spostare la Posidonia dal fondale di fronte a Capo Verde per poter evitare lo stop della Regione alla costruzione dei cantieri navali nella zona” (Il Secolo XIX, 25 febbraio), ci si chiede se il periodo carnascialesco sia in grado di depravarea tale livello menti di persone appartenenti a gruppi imprenditoriali che da tempo, nel bene e nelmale, “fanno” l’economia del Ponente Ligure. Riteniamo, per quel tantum di materia cerebrale presente in ogni soggetto, che si tratti di un errore mediatico. Se la notizia corrispondesse invece a verità non resterebbe che denunciare, sul pianotecnico, metodologico, economico, territoriale, e, ovviamente, politico, l’idea. Resta da precisare che la Posidonia non è affatto un’Alga, come scritto, ma una Fanerogama Monocotiledone (come le Palme), all’apice dell’evoluzione botanica ed è base costitutiva di unestremamente complesso ecosistema (la Foresta a Posidonia), comparabile, in ambiente acquatico, alla Foresta Tropicale.

Il fatto poi che la proposta sia tesa ad aggirare lo stop della Regione Liguria alla costruzione di Cantieri Navali a Capo Verde aggiunge l’acre sapore del cemento selvaggio che ha già devastato il Ponente, alla presunzione di onnipotenza del mercato nei confronti di ogni Bene Comune.

Partito della Rifondazione Comunista Circolo “Martini” - Sanremo 

Alberto Gabrielli

Dipartimento Territorio e Ambiente

Federazione Provinciale del Partito della Rifondazione Comunista


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo