martedì 20 agosto 2019
28.03.2012 - Alice Borutti

Ventimiglia: picchiava la convivente e la costringeva alla prostituzione

Una situazione di violenza, maltrattamenti e anche prostituzione. Una vita ai margini della società, in silenzio e in piena sottomissione

Ieri pomeriggio gli uomini del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Ventimiglia hanno arrestato un italiano di anni 51, disoccupato, di Ventimiglia , in quanto gravato da un’ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Sanremo, a conclusione delle indagini svolte dagli stessi Carabinieri per le ipotesi di reato di  maltrattamento in famiglia, lesioni personali aggravate, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Parrebbe che l'arrestato dall'agosto scorso avrebbe minacciato e percosso quasi quotidianamente la propria convivente, costringendola ad avere rapporti sessuali con estranei e appropriandosi di tutti i proventi derivati da tale attività.

A causa dei maltrattamenti subiti, la donna ha ricorso spesso alle cure dei sanitari dell’ospedale, dal quale sarebbero partite le prime segnalazioni ai Carabinieri. 

Pare che l'uomo era sovente ubriaco e che la picchiasse anche per futili motivi, ciò nonostante la donna non nutriva acredine nei confronti del convivente e al fine di evitare altra violenza si è rivolta finalmente ai Carabinieri. 

Il pericolo di reiterazione del reato, la gravità dei fatti e il rischio d'inquinamento delle prove hanno reso necessario la custodia cautelare.

L’uomo si trova attualmente ristretto presso la Casa Circondariale di Sanremo a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

  


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo