giovedì 17 ottobre 2019
07.03.2012 - Donatella Lauria

Maxi evasione, società di commercio carni si dimementica di dichiarare 1.600.000 €

Oltre un milione e 600mila euro di evasione fiscale, cui vanno aggiunti 87mila euro di Iva non pagata per una società che commercializza e distribuisce carni fresche in tutto il territorio ligure.

Le indagini della Guardia di Finanza ligure hanno individuato una società che commercializza all’ingrosso e al dettaglio carni fresche in quanto si era "scordata" di presentare le dichiarazioni dei redditi e dell’Iva, per gli anni 2009 e 2010.
I gestori dell’impresa, che esercitavano l’attività commerciale tramite due esercizi principali e numerosi altri punti vendita, situati anche all’interno di supermercati del territorio ligure, si erano premurati anche  di “far sparire” i registri contabili: al fine di rendere più difficie la ricostruzione del volume d’affari prodotto, in caso di controlli da parte delle autorità.
Ma i finanzieri, avviata una verifica tributaria, nonostante la mancanza di scritture contabili e di supporti documentali, sono riusciti indirettamente a quantificare gli incassi dell’azienda tramite approfonditi accertamenti bancari, effettuati sui conti correnti dei soci e su quelli della convivente di uno di questi.
Il volume dei ricavi nascosti al fisco è  di 1.663.371 euro e l’Iva dovuta di 87.690 euro; Non erano inoltre state versate all’erario ritenute fiscali per un importo di 32.357 euro.
I due soci e amministratori della società, sottoposta all’ispezione, sono stati denunciati per i reati di omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali e per l’occultamento delle scritture contabili.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo