domenica 17 ottobre 2021
09.11.2011 - A.Giacobbe

Bordighera, il vento ha fatto goal

La recente mareggiata ha fatto danni gravi presso il campo di calcio dell'Arziglia di Bordighera. Divelta la rete di protezione, sfondata una porta. Ora ci si domanda, ora e ancora, se una cittadina come Bordighera debba avere impianti sportivi sempre esposti a rischio e, bisogna dirlo, di scarsa qualità. Laddove gli Inglesi per primi hanno portato il tennis in Italia e soprattutto una cultura sportiva di prim'ordine, proprio il football ha uno dei suoi luoghi più squallidi in Riviera. Lo ricordo bene da giocatore. Esposto al vento, con spogliatoi improbabili e piccoli, la terra battuta, spesso con qualche coccio di vetro ricordo di chissà quale gozzoviglia. Ci sono tornato nel 1991, da allenatore in seconda. La situazione era pressappoco migliorata, ma gli spazi erano sempre gli stessi. Certo, Bordighera magari non ambisce a posti di riguardo nella dimensione calcistica nazionale, ma il problema è legato al settore giovanile, alla sicurezza ed alla qualità di gioco che si può esprimere in un campo moderno. Il disastro dell'altro giorno non fa che confermare che il modesto “mammellone” a mare della città delle palme è ormai superato e che sarebbe il caso di pensare a nuovi spazi fruibili, anche se la conformazione cittadina è quella che è.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo